giovedì 30 novembre 2017

B2B & Social Network, un legame sempre più' forte


Il mondo dei social network e quello del business (B2B): quali sono le piattaforme utili al raggiungimento degli obiettivi  prefissati?


Il mondo dei social network e quello del business costituiscono da tempo un legame solido, il filo conduttore ideale che unisce la forza vendite alle potenzialità offerte da interazioni visibilità.

Le attività di networking degli ultimi anni sono diventate sempre più “multicanale” e toccano le varie piattaforme social in maniera trasversale. Inoltre, come insegna l'incremento e lo sviluppo del marketing moderno, si tratta di strategie di comunicazione maggiormente orientate e mirate alle esigenze dello specifico utente piuttosto che al semplice risultato o al consumatore.

L’obiettivo, in tal senso, è quello di comprendere le passioni e interessi delle diverse persone, riuscendo a personalizzare il più possibile il messaggio in base al suo destinatario. 


È proprio in questa direzione che si sta sviluppando l’ambito social del B2B. 
Quali sono dunque le piattaforme più adeguate per il raggiungimento degli obiettivi prefissati ?
  • LA LEAD GENERATION & LINKEDIN

Il social network del "lavoro" si dimostra uno strumento efficacissimo per effettuare una prima scrematura dei risultati e filtrare la rete dei profili ricercati.
I gruppi offrono un interessante sguardo d’insieme su tendenze di mercato e informazioni più rilevanti.
Il successo conquistato negli anni consente a LinkedIn di candidarsi come il social network faro per pubblicazione di contenuti e possibilità di diventare veri e propri opinion leader.
  • RAPIDITÀ E CONCRETEZZA: IL TERRENO DI TWITTER

Possibilità di ottenere aggiornamenti in tempo reale e immediatezza dei messaggi: sono solo alcune delle caratteristiche che permettono a Twitter di rubare la scena persino alle agenzie di all news, al punto da indurre le stesse ad aprire finestre di “live tweeting” dal proprio sito per seguire in diretta eventi e manifestazioni di ogni tipo.
I 140 caratteri per tweet, inoltre, conferiscono al messaggio il giusto mix tra concretezza e rapidità che può rivelarsi l’arma fondamentale nell'arena del B2B.
  • CONTENUTI E COMMUNITY: QUANDO IL B2B SI TINGE DI BLU

Il colore di cui parliamo è ovviamente quello di Facebook, ormai social network per antonomasia e piattaforma che spicca per finalità di svago e divertimento.
Conoscere a fondo le sue caratteristiche permette di ottenere una maggiore diffusione del marchio e una più efficace fidelizzazione.
Grazie all'utilizzo di Facebook e delle community, inoltre, il B2B potrebbe riuscire nell'intento di assegnare un “volto” più human alle proprie campagne e raggiungerebbe milioni di persone in pochissimo tempo.
  • POTERE ALLE IMMAGINI

Mai sottovalutare la potenza visual delle immagini, ormai diventate il vero strumento di comunicazione di questi tempi.
Basti pensare alle incredibili potenzialità offerte da YouTube nel realizzare tutorial e presentazioni online, o alle innumerevoli occasioni di business che si creano quotidianamente su InstagramPinterest: il volano delle fotografie e il mondo visual basterebbero da soli ad innescare numerose azioni commerciali (ad esempio, prenotazioni di biglietti e acquisti vari).
Quello B2B è un pubblico particolare costituito da persone che conoscono in maniera approfondita le caratteristiche dei prodotti e, proprio per questo motivo, occorre prestare la massima attenzione in fase di implementazione di una strategia. Conoscere le specificità di ciascuna piattaforma social, in quest’ottica, può rivelarsi un elemento cruciale.

martedì 14 novembre 2017

Google Global Market Finder, scopri subito di cosa si tratta


GOOGLE MARKET FINDER 
Lo Strumento a supporto dell'export rappresenta un'ottima base di partenza per la tua strategia di marketing internazionale. 
Inoltre, ti aiuta a valutare le varie soluzioni pubblicitarie, nonché l'importanza dell'analisi e della misurazione dei dati.


Con l'abbattimento delle barriere commerciali internazionali, l'avvento di Internet ha portato i potenziali clienti direttamente a contatto con la tua attività, riducendo più che mai i rischi e i costi.


Grazie allo Strumento a supporto dell'export, è tutto ancora più semplice.












Disponibile gratuitamente da un paio di settimane 

https://marketfinder.thinkwithgoogle.com/intl/en/





giovedì 2 novembre 2017

Google Assistant in italiano: inizia la distribuzione su Android 6.0 e successivi


Google Assistant in italiano: inizia la distribuzione su Android 6.0 e successivi


Con il nuovo assistente digitale sarà possibile parlare più liberamente usando il linguaggio naturale: la distribuzione di Google Assistant in italiano inizierà nei prossimi giorni in concomitanza con il lancio del Pixel 2 XL.


Presentato ad ottobre 2016, Google Assistant è l'assistente digitale successore di Google Now, attivabile usando sempre la solita "frase magica" Ok, Google.

Rispetto a Now, Google Assistant riesce a comprendere frasi e richieste molto più complesse, presentate usando il linguaggio naturale.

Google Assistant si colloca diversi gradini più in alto rispetto a Now perché è figlio del pesante lavoro sullo sviluppo di efficaci algoritmi di machine learning a cui i tecnici dell'azienda di Mountain View hanno da tempo lavorato.

Con l'avvio delle prime spedizioni dei nuovi smartphone Pixel 2 XL, Google Assistant comincia finalmente a parlare italiano e a comprendere le richieste avanzate nella nostra lingua.

Come confermato dai portavoce di Google, il nuovo assistente digitale Google Assistant verrà distribuito come normale aggiornamento ai possessori di dispositivi Android 6.0 Marshmallow e successivi.

Inoltre, oltre all'utilizzo di Marshmallow o versioni successive del sistema operativo, il dispositivo dovrà usare i Google Play Services aggiornati all'ultima release, l'app Google aggiornata almeno alla versione 6.13 e, come minimo, 1,5 di memoria libera.
Per ricevere Google Assistant sui propri dispositivi Android, comunque, si dovrà ancora attendere qualche giorno, presumibilmente fino al 15 novembre (data di lancio ufficiale del Pixel 2 XL). La distribuzione del nuovo assistente digitale, inoltre, avverrà progressivamente.