lunedì 21 dicembre 2015

Buon Natale a tutti voi che mi seguite e supportate !

Penso alla mia vita, a quando i miei genitori decisero di andarsene dalla loro terra, scappando da un Portogallo bello ma povero, dove un futuro era difficile da prevedere, soprattutto per due giovani di 17 anni e una ragazzina con un grosso pancione che sopportava ormai da sette mesi !
Vidi per la prima volta la luce in questa nazione, la Svizzera, la mia Svizzera in quanto mi sento parte di essa !
Dopo appena 3 mesi ( parliamo del 1992) furono costretti a mandarti in Portogallo la dove i nonni contadini riuscivano ad assicurarmi almeno i pasti e la sanità !
Passarono 4 lunghi anni, abbastanza per dimenticarmi di mamma e papa, ma abbastanza per loro per trovare un posto di lavoro e venire a riprendermi.
Ricordo quel giorno, una caldissima estate mentre rincorrevo le mucche del nonno nei prati verdi a piedi scalzi, senza pensieri, respirando l'odore della libertà!
Ad un tratto si trasformò nel giorno più brutto della mia vita, quando due estranei arrivarono per portarmi via, via dai miei nonni che erano per me mamma e papà.
Come un pacco di nuovo in viaggio, verso quella Svizzera dove per convincermi mi dissero ci fossero le montagne di cioccolato!
Da quel momento una vita, sempre difficile, ma con mamma e papà !
Parlavo ancora male il Portoghese figurati l'Italiano, i miei amici erano le mucche, i cavalli e tutti gli animali del nonno, non esisteva il nido o l'asilo, per noi costava troppo.
Passarono molti anni, ero sempre qualche passo indietro confronto a tutte le persone che mi circondavano e purtroppo questa volta indossavo delle scarpe, sotto i miei piedi al posto dei prati verdi c’era un freddo asfalto.
Iniziai la scuola imparai la lingua e conobbi nuovi piccoli amici ma questa volta non a 4 zampe :-) !
Gli anni passarono, dopo gli studi pur essendo uscito con degli ottimi voti, avevo le idee chiare, volevo prendere l’esempio del nonno e far parte dell'esercito, ma quello della mia nazione, l'esercito Svizzero, dove rimasi per 3 anni della mia vita scalando grado dopo grado e vivendo una fantastica esperienza in questo paese pieno di montagne e fantastici prati verdi !
Dopo questa esperienza tornai a casa, questa volta mi ricordavo ovviamente bene che ad aspettarmi c'erano mamma e papa e la mia sorellina !
Non sapevo bene cosa fare e quale fosse realmente la strada giusta da percorrere, fino a quando il mio destino si incrociò nuovamente con l'azienda dove feci la mia maturità serale per un anno e mezzo.
Il duro lavoro, la grinta, la voglia di fare e il ritrovamento della persona che considero ( la mia maestra), mi hanno dato la carica, la voglia e la serenità di provare e creare qualcosa di nuovo !
Qualcosa che si sta evolvendo e prendendo forma, giorno dopo giorno, sforzo dopo sforzo.
Non dico che è facile ma d'altronde ci sono abituato!
Il bello di tutto questo ? Che è solo l’inizio…
Non credo e non voglio essere ne più ne meno di nessuno, per ora mi va bene essere alla pari, alla fine ero sempre stato qualche passo indietro rispetto a tutti !

Solo di una cosa sono sicuro in futuro, un giorno, da qualche parte, sentirete parlare di un pazzo in giacca e cravatta che camminerà a piedi scalzi per i prati verdi !

In quel momento non preoccupatevi, saprò di essere un passo avanti !


Buon Natale a tutti voi che mi seguite e supportate !


mercoledì 16 dicembre 2015

Facebook conosce il vostro carattere e personalità meglio dei vostri amici !


Capire la personalità degli altri è una capacità fondamentale nella vita sociale: determina il successo nell'interazione con le altre persone, comprendendone intenzioni ed emozioni.
In generale, la capacità di capire la personalità di chi ci sta di fronte è considerata una caratteristica distintiva della cosiddetta “intelligenza sociale”. Ma sono solo gli esseri umani a poter capire gli altri? Oppure è un qualcosa che può essere realizzato da una macchina tramite un algoritmo?
Un gruppo di ricercatori se lo è chiesto, ed ha compiuto uno studio per confrontare l’accuratezza di giudizi sulla personalità effettuati da computer oppure da esseri umani. I primi utilizzavano un algoritmo che analizzava i “Like” su Facebook di una persona, i secondi usavano un questionario di valutazione della personalità.
E’ emerso non solo che i computer riescono a comprendere la personalità delle persone, ma addirittura che lo fatto con maggiore accuratezza degli esseri umani: e sono molto più affidabili quando devono fare previsioni su aspetti come uso e abuso di sostanze (alcol o droghe), orientamento politico, salute fisica.
Non si sa se Facebook utilizzi algoritmi simili a quelli sviluppati dai ricercatori per analizzare i profili, certamente, come sottolineano i ricercatori stessi a conclusione dello studio, la disponibilità di dati e le capacità del software presentano opportunità per analisi psicologiche e marketing, ma anche grossi rischi per la privacy ( se usato in modo irresponsabile).

mercoledì 2 dicembre 2015

Ecco i ‘Digital Trends’ che cambieranno il futuro dei brand !

Ecco i ‘Digital Trends’ che cambieranno il futuro dei brand. Secondo Microsoft imprescindibili per lo sviluppo delle strategie di marketing


Microsoft presenta i risultati di Digital Trends, ricerca condotta in collaborazione con Ipg Mediabrands e The Future Laboratory. L’indagine, condotta su un campione di 8.055 intervistati provenienti da Europa, Stati Uniti, Russia, Brasile e Cina, è volta ad analizzare abitudini ed aspettative di consumatori appartenenti a mercati estremamente diversi, nonché il ruolo della tecnologia nella loro vita, per individuare i nuovi futuri trend del mondo digitale, imprescindibili per lo sviluppo delle strategie di marketing dei brand. Lo studio, inoltre, introduce un nuovo punto di vista in riferimento al web: Internet non è più una novità, la tecnologia è ormai parte integrante della quotidianità, all’interno di una società in cui l’utente è ben consapevole dei propri diritti e il consumatore diventa la principale priorità.
In questo contesto – si legge in una nota – si stanno facendo strada otto trend principali.
1. Valore personale: i consumatori sanno che la loro attività online è preziosa per brand e specialisti del marketing. A livello globale, il 45% dei consumatori online sarebbe disposto a vendere i propri dati al brand giusto per un prezzo adeguato, mentre il 30% sa come scambiare i propri dati in cambio di ricompense.
2. Passione per le statistiche: oggi le persone sono affascinate dalla possibilità di misurare ogni giorno le prestazioni di mente e corpo (calorie, battito cardiaco, ore di sonno ecc). Analogamente, il 55% dei consumatori è più propenso ad acquistare un prodotto o un servizio da un brand che lo possa aiutare a capire come migliorare la propria vita.
3. Diritto all’anonimato: i consumatori vogliono poter controllare le proprie tracce digitali. Per questo motivo il 65% degli intervistati è più propenso ad acquistare prodotti dai brand che gli consentono di gestire la privacy e che prestano attenzione a questo aspetto.
4.  Network di nicchia: sfiniti e sopraffatti dai mega-sistemi, i consumatori si stanno indirizzando sempre più verso network più piccoli, localizzati e su misura, in grado di soddisfare le loro esigenze online. I brand devono mettere in comunicazione i clienti tramite le loro esigenze specifiche, che i consumatori trovano in questi network. Il 41% degli intervistati usa social network specializzati, preferendo questo tipo di esperienza ai servizi generalisti. Il 53% dei rispondenti, inoltre, è più propenso a interagire con un brand che sia realmente legato ai i propri interessi e alle proprie esigenze.
5. La cultura del creare: gli utenti – e in particolare i consumatori più giovani – prediligono le nuove esperienze incentrate sul processo di creazione rispetto al semplice utilizzo. I brand devono quindi adottare un atteggiamento di apertura e invitare i consumatori a collaborare, personalizzando e sperimentando con mano i loro prodotti. Il 49% degli intervistati si aspetta che le aziende dimostrino questa apertura, consentendo di creare un nuovo prodotto o servizio utilizzando il design e le caratteristiche originali del brand stesso.
6. IntelligentlyON: non sempre connessi, né sempre off. In questo caso, il segreto è sapere quando, dove e come comunicare il proprio messaggio per essere ascoltati. Più della metà dei consumatori (54%) si aspetta che i brand sappiano quando è il momento giusto per comunicare.
7. L’era della Serendipità: man mano che la loro relazione con la tecnologia evolve, i consumatori si aspettano un numero crescente di opportunità per rimanere piacevolmente sorpresi dalle tecnologie digitali. Infatti, il 61% dei consumatori è molto più propenso ad acquistare un prodotto o un servizio da un brand che sappia offrire esperienze piacevolmente sorprendenti.
8. Potenziamento della realtà: la nuova tecnologia sta coinvolgendo tutti i nostri sensi, dando vita al mondo digitale, per cui presto i brand saranno chiamati a creare esperienze multisensoriali, sia nello spazio fisico che in quello virtuale. Il 61% degli intervistati è quindi più propenso ad acquistare da un’azienda che permette di toccare con mano i prodotti, sia in un punto vendita che su Internet. Un esempio è quello di IllumiRoom, un sistema sperimentale di Microsoft Research finalizzato ad aumentare l’area intorno allo schermo di un televisore, su pareti e pavimenti, con immagini proiettate che migliorano la tradizionale esperienza di intrattenimento tra le mura domestiche. I negozi stanno sviluppando app che utilizzano la realtà aumentata, per consentire ai consumatori di visualizzare versioni 3D degli arredi nella propria casa.

venerdì 13 novembre 2015

Notifiche direttamente sulla schermata di blocco del vostro smartphone ? Ora vi spiego il motivo !

Notify, nuova frontiera del matketing digitale


Il sistema delle notifiche di Facebook è stato implementato da una nuova applicazione che offre aggiornamenti tempestivi su news, persone che si seguono, interessi personali.
Notify, ideata per garantire un servizio di notifiche push direttamente sulla propria schermata di blocco dalle fonti che più ci interessano, rende facile trovare le notifiche attraverso una varietà di “stazioni”, come ad esempio news da FOX Sports, che forniscono i risultati delle squadre preferite, o la stazione meteo quotidiano AM da The Weather Channel che invia una previsione meteo locale, o la stazione Flashback da Getty Images che offre le immagini simboliche del giorno.

NUOVA FRONTIERA DEL DIGITAL MARKETING?
L’app rappresenta una risorsa fondamentale anche per il mondo dell’impresa e dell’editoria digitale. Siti come New York Times, Washington Post, Vogue, Vevo, FOX, Bloomberg Business e ABC hanno aderito al nuovo progetto consapevoli della grossa opportunità per fare circolare i propri contenuti e renderli più virali, implementando n volte il potenziale delle proprie strategie di web marketing.
COME FUNZIONA NOTIFY
Notify provvede a inviare una notifica al proprio smartphone non appena vi è un nuovo contenuto, la quale notifica contiene una breve sintesi consente di rimandare al sito cui fa riferimento. Il punto cardine è il sistema di condivisione che, con pochi passaggi, consentirà di condividere una notizia via mail, Facebook o su altri Social Network. Sarà inoltre possibile salvare le news in un secondo momento, in modo tale da non perderle e rileggerle durante l’arco della giornata.
Vi è la possibilità, ovviamente, di creare un mix personale delle notifiche selezionando le stazioni da cui si desidera ricevere gli aggiornamenti, e le fonti pubblicheranno le notifiche attraverso queste stazioni quando ci sono aggiornamenti rilevanti. Notify, inoltre, fornisce suggerimenti delle stazioni per interessi sulla base del proprio profilo di Facebook, e sono facili da scoprire e aggiungere in qualsiasi momento.
PROSSIMAMENTE IN LINGUA ITALIANA
L’app al momento è disponibile solo in lingua Inglese, ed è possibile scaricarla gratuitamente su App Store al seguente link. Facebook, tuttavia, ha annunciato che il servizio sarà esteso prossimamente ad altri Paesi.


giovedì 12 novembre 2015

Lo sapevi che Google Maps ora funziona anche in OFFLINE !? leggi l'articolo e scopri come !


BIG G. DICE BYE BYE AI COMPETITORS !
Quante volte vi è capitato di trovarvi all'estero, in montagna o semplicemente in un luogo dove non avevate la rete dati / connessione ad internet e necessitavate di Google Maps ?
Da sempre è stato per molti di noi un problema, ebbene da Mountain View hanno deciso di risolverlo definitivamente !
Da ieri, 11 Novembre 2015, proprio Google ha annunciato che il servizio Maps è disponibile e utilizzabile anche quando siete offline.
Negli anni scorsi questa "falla" di Maps ha consentito a decine di competitors di inserirsi nel mercato viste le molte app di navigazione che puntano sull'utilizzo in mancanza di connessione.
Diciamo che Big G. ( come mi piace definirla) ci ha messo un'po ( sicuramente per vari motivi) ma ha deciso di rendere possibile questo servizio !
Il servizio è già disponibile su dispositivi Android e fra qualche mese anche su iOS, sarà possibile scaricare un'area geografica sul proprio smartphone in modo da poter navigare tranquillamente anche quando non si ha una connessione internet ( paesi esteri, montagna, posteggi sotterranei e via dicendo ...).
Anche se si è sprovvisti di una copertura 3G, è ora possibile ricevere indicazioni stradali passo per passo e cercare informazioni sui luoghi di vostro interesse.
Ma come devo fare ? Quale il procedimento ?
Il procedimento è molto semplice ( spiegato dalla stessa Big.G. sul loro blog ufficiale) :

 «Per scaricare un'area, è sufficiente cercare una città, una regione o una nazione e cliccare poi su “Download” nella relativa scheda, oppure andare su “Aree offline” nel menù di Google Maps e premere il pulsante “+”. Una volta scaricata la mappa, nel momento in cui Google Maps rileverà una connettività limitata o assente, passerà automaticamente alla modalità offline, mentre tornerà a quella online quando la connessione verrà ripristinata, così da garantire l'accesso alla versione completa di Maps, che comprende il traffico in tempo reale. Per impostazione predefinita, l'applicazione scaricherà le mappe sul vostro dispositivo solo quando sarete collegati a una rete Wi-Fi, in modo da evitare addebiti elevati per il consumo di dati».
Cosa mi resta da aggiungere  ?
Ancora una volta Big.Google stravolge e spiazza tutti !

Articolo redatto da : Maikol Soares - Web Marketing Specialist 

mercoledì 28 ottobre 2015

Content Reports - SCOPRI IL COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI SUL TUO SITO!


SCOPRI IL COMPORTAMENTO DEI TUOI UTENTI ! 




Utilizza questa sezione per esaminare in che modo gli utenti trovano i tuoi contenuti e interagiscono con essi.


Questa sezione di Google Analytics è incentrata sul tuo sito o sulla tua applicazione (contenuti, rendimento, idoneità alla ricerca e interattività). Per visualizzare le metriche di base per ogni pagina e area del tuo sito/della tua app, vai a Contenuti del sito > Tutte le pagine .

Vai a Velocità sito > Panoramica per scoprire la velocità di caricamento delle tue pagine.

Vai ai rapporti Ricerca sul sito > Panoramica per scoprire i risultati che gli utenti ottengono dalla ricerca sul tuo sito.

Vai a Eventi > Panoramica per scoprire in che modo vengono utilizzati sul tuo sito Flash, Ajax e altri tipi di elementi interattivi.


GUARDA IL VIDEO :

Identifica le pagine di destinazione che necessitano di riscrittura o nuova progettazione.

Frequenza di rimbalzo è un ottimo strumento di diagnostica. Indica la percentuale di traffico che ha abbandonato il tuo sito o la tua applicazione dopo aver visualizzato una sola pagina.
In genere, una frequenza di rimbalzo elevata indica che le informazioni esterne al sito che hanno indotto le persone a fare clic per raggiungere il tuo sito non corrispondono a ciò che tali utenti trovano sulla pagina di destinazione. Se puoi aumentare la pertinenza della pagina di destinazione, potrai conservare un maggior numero di utenti e ottenere maggiori risultati dal tuo traffico.
  1. Vai a Contenuti del sito > Pagine di destinazione.
  2. Fai clic sulla colonna Frequenza di rimbalzo per ordinare le pagine di destinazione in base alla frequenza di rimbalzo in ordine decrescente.
  3. Fai clic sul selettore Tipo di ordinamento (in alto a sinistra nella tabella, accanto al selettore Dimensione secondaria) e seleziona Ponderato.

Identifica i tuoi contenuti più comuni.

Il rapporto Contenuti del sito > Tutte le pagine <em></em> mostra le metriche sul traffico per ogni pagina del tuo sito.Contenuti del sito > Dettaglio contenuti mostra le stesse informazioni, ma organizzate in base alla struttura di directory del tuo sito o della tua app.
  1. Vai a Contenuti del sito > Tutte le pagine. Le pagine con il numero di visualizzazioni maggiore compaiono nella parte superiore della tabella.
  2. Anziché visualizzare le pagine in base all'URI, può essere più utile visualizzarle in base al titolo. Accanto a Dimensione principale (in alto a sinistra nella tabella), seleziona Titolo pagina.

Visualizzazioni di pagina e Visualizzazioni di pagina uniche

La metrica Visualizzazioni di pagina indica il numero di volte che una pagina è stata visualizzata, mentre Visualizzazioni di pagina uniche indica il numero di sessioni durante le quali la pagina è stata visualizzata.


Visualizza le pagine che generano entrate.

Puoi utilizzare la metrica Valore pagina per visualizzare le pagine che generano entrate. La metrica Valore pagina viene calcolata sommando tutte le entrate delle sessioni durante le quali tale pagina è stata visualizzata prima di un acquisto o di una conversione all'obiettivo. Le entrate totali vengono quindi divise per il numero di sessioni interessate. Consulta l'articolo sulla metrica Valore pagina.
Cerca le pagine che ottengono un volume di traffico scarso, ma che presentano un Valore pagina elevato. Si tratta di buone pagine che ti consigliamo di promuovere via email o come pagine di destinazione.
  1. Vai a Contenuti del sito > Tutte le pagine.
  2. Fai clic sulla colonna Valore pagina per ordinare le pagine di destinazione in base al valore pagina in ordine decrescente.
  3. Per visualizzare solo le pagine con un numero di visualizzazioni di pagina basso, fai clic su avanzato accanto alla casella di filtro nella parte superiore della tabella.
  4. Nella finestra di dialogo di filtro, specifica Escludi visualizzazioni di pagina maggiori di ___. Fai clic su Applica per attivare il filtro.

Lezione 5.5. Rapporti Comportamento

Questa lezione riguarda i seguenti argomenti:
  • navigazione dei rapporti Comportamento
  • modalità di raccolta e registrazione nei rapporti delle dimensioni chiave
  • modalità di utilizzo dei rapporti per l'individuazione delle opportunità di ottimizzazione delle campagne
GUARDA IL VIDEO:


Sempre a vostra disposizione 



Maikol Soares
Web Marketing Specialist 

martedì 27 ottobre 2015

Real- time Reports ! Il tuo sito in tempo reale !

È qui che effettui il monitoraggio dell'attività degli utenti come si verifica sul tuo sito.


I dati sono costantemente aggiornati e ogni visualizzazione di pagina viene registrata entro pochi secondi dal momento in cui si verifica. Tempo reale mostra
  • il numero di visitatori sul sito in questo momento,
  • la loro posizione geografica,
  • le parole chiave e i siti che li hanno indirizzati,
  • le pagine che stanno visualizzando,
  • le conversioni verificatesi.



Visualizza le conversioni generate dalla promozione del giorno corrente.

Spesso è utile visualizzare le conversioni in tempo reale per un gruppo specifico di utenti. Ad esempio, se stai pubblicando una promozione di un giorno, potresti voler controllare se gli utenti che fanno clic per arrivare alla promozione effettuano la conversione.
  1. Vai a Tempo reale > Sorgenti di traffico nel riquadro di navigazione di sinistra.
  2. Nella colonna Sorgente della tabella, fai clic sul sito della promozione. In tal modo, la tua visualizzazione risulta limitata, consentendoti di vedere solo gli utenti che hanno fatto clic dalla promozione.
  3. Vai a Tempo reale > Conversioni per vedere le conversioni generate dagli utenti attivi, unitamente alle conversioni totali.

Scopri se i contenuti del giorno corrente sono visualizzati.

Se aggiungi nuovi contenuti ogni giorno oppure nell'arco della giornata, puoi vedere in tempo reale quali nuovi contenuti sono più comuni.
  1. Vai a In tempo reale > Contenuti nella barra di navigazione di sinistra per vedere quali pagine sono visualizzate.

Metriche utente attivo

Con In tempo reale, un utente è attivo se negli ultimi cinque minuti ha attivato un evento o una visualizzazione di pagina. Nota che questo rapporto è diverso da quelli standard in cui una sessione viene definita in base a intervalli di 30 minuti.

In tempo reale e profili

In tempo reale riflette i dati del tuo profilo. Se i tuoi dati ti sembrano errati, verifica quali filtri sono applicati al profilo.



Scopri se i tweet e i post del giorno corrente stanno generando interesse.
Se pubblichi post su social network o blog che rimandano al tuo sito/alla tua applicazione, puoi scoprire quante persone fanno clic su di essi per raggiungere il tuo sito.
  1. Vai a Tempo reale > Sorgenti di traffico nel riquadro di navigazione di sinistra.
  2. Nella colonna Sorgente della tabella, fai clic sul blog o sul social network. In tal modo, la tua visualizzazione risulta limitata e ti consente di vedere solo il segmento di sessioni provenienti dal blog/social network.
  3. Vai a In tempo reale > Contenuti per sapere quali sono le pagine che gli utenti stanno visualizzando. Vai a In tempo reale > Conversioni per vedere le conversioni di tali utenti.

Esegui il debug dell'implementazione.

Se vedi almeno un utente attivo sul tuo sito, significa che il codice di monitoraggio funziona. Puoi verificare se il codice di monitoraggio funziona anche su singole pagine.
  1. Vai a Tempo reale > Contenuti Tempo reale > Eventi nel riquadro di navigazione di sinistra.  
  2. Sfoglia il sito e visita le pagine meno chiare. Dovresti visualizzare la tua attività di navigazione su queste pagine.
  3. Per le app o i siti con monitoraggio eventi, il rapporto Eventi visualizza gli eventi inviati al momento, da un utente attivo o in totale.

GUARDA IL VIDEO 

giovedì 15 ottobre 2015

WEB MARKETING - COME OTTIMIZZARE IL TUO SITO WEB






WEB MARKETING - COME OTTIMIZZARE IL TUO SITO WEB

Il Web Marketing è la branca delle attività di marketing dell’azienda che sfrutta il canale online per studiare il mercato e sviluppare rapporti commerciali (promozione/pubblicità, distribuzione, vendita, assistenza alla clientela, etc.) tramite il Web. 

Solitamente le attività di web marketing partono con la pubblicazione di un progetto, con la realizzazione di un sito web e la sua promozione. In questo modo l'azienda presidia il canale web attirando visitatori interessati ai propri prodotti/servizi
Il web marketing si affianca alle strategie di promozione/vendita tradizionali e alle analisi di mercato offline. Questo permette di avviare una relazione con il pubblico di questo canale; un esempio comune di questo approccio è il cosiddetto negozio virtuale o negozio online.

Alla base di un progetto di web marketing c’è la strategia di far ottenere al sito la massima visibilità. La tattica principale, cercando di mantenere coerenza con l'obiettivo, è quindi portare il proprio sito web ai primi posti nelle pagine dei risultati di un motore di ricerca; con lo scopo di renderli più visibili di quelli dei concorrenti, e quindi preferibili.


OTTIMIZZAZIONE (SEO)

Le attività che oggi caratterizzano il web marketing sono le seguenti:

Con il termine ottimizzazione (SEO) nel linguaggio di internet si intendono tutte quelle attività finalizzate ad ottenere la migliore rilevazione, analisi e lettura del sito web da parte dei motori di ricerca attraverso i loro spider, grazie ad un migliore posizionamento.

L'attività SEO consente un facile reperimento del sito da parte degli utenti che cercano sui motori e normalmente determina l'aumento del volume di traffico qualificato (utenti specificamente interessati) che un sito web riceve tramite i motori di ricerca.
Tali attività comprendono l'ottimizzazione della struttura del sito e degli url, dell'accessibilità delle informazioni da parte dei motori degli utenti, degli spider , del codice sorgente, dei link di approfondimento, la presenza delle immagini e dei contenuti.

L'ottimizzazione (SEO) è parte di un'attività più ampia e differente dal Search Engine Marketing (SEM); una specifica branca del Web marketing che riguarda l'attività di acquisto di traffico svolta nei principali motori di ricerca. 

La piattaforma di SEM più famosa è Google AdWords, la quale permette agli utenti di acquistare una parola chiave tramite un meccanismo ad asta: in base all'offerta effettuata e al punteggio di qualità si ottiene un determinato posizionamento nella pagina dei risultati del motore di ricerca. Le due caratteristiche salienti che differenziano le attività SEO dalle attività SEM sono:

1.L'investimento monetario per il SEM e la "gratuità" delle campagne SEO

2.L'immediatezza del SEM (una campagna online dà risultati immediati) e i lunghi tempi della SEO (i risultati delle attività di SEO sono visibili dopo settimane di lavoro). 

L'attività di ottimizzazione per i motori di ricerca comprende varie operazioni tecniche che vengono effettuate sul codice HTML e sui contenuti delle pagine web del sito. Indispensabile è anche l'attività esterna al sito, solitamente effettuata con tecniche di link building, diffusione di comunicati stampa e campagne di pubblicazione di articoli redazionali di qualità attraverso blog di settore o sezione dedicata alle News sul sito web.


PRATICHE DI OTTIMIZZAZIONE

Per quanto riguarda la struttura HTML, parte dell'ottimizzazione consiste nel:

1.Inserire i contenuti importanti all'inizio del codice HTML

2.Usare I tag HTML il più possibile attinenti alla struttura dei contenuti presentati e verificare sempre che il codice delle pagine sia formalmente valido

3.Differenziare opportunamente i titoli delle varie pagine di un sito, renderli chiari e coerenti con il contenuto della pagina; dovrebbero contenere le parole chiave di maggior peso

4.Scegliere l'URL della pagina in modo che contenga le parole chiave più probabili; che sia descrittivo e somigliante al titolo della pagina stessa


OTTIMIZZAZIONE PER GOOGLE

Google indicizza una pagina basandosi sui suoi contenuti e sui link che puntano ad essa. Non solo: utilizza anche 200 valori segreti (o almeno lo sono la maggior parte di essi), che interagiscono mediante l'algoritmo di Google per definire la qualità e vari altri fattori contenuti nei siti e nei blog. Per arrivare nelle vette dell'ottimizzazione per Google è necessario che il proprio sito possa essere SEO friendly, ovvero che possa essere riconosciuto come sito o blog facilitato per quanto riguarda la lettura dei bot dei motori di ricerca. Ciò avviene prestando particolare cura a molti degli elementi che si trovano in ogni pagina di un sito web, e di ogni documento caricato.


OTTIMIZZAZIONE DELLE IMMAGINI

La ricerca per immagini è il secondo tipo di ricerca effettuato su Google.
Per fare in modo che anche le immagini siano indicizzate e ricercabili dai motori di ricerca, contribuendo quindi alla ricercabilità della pagina in cui sono inserite, l'immagine deve avere una url che descrive il contenuto dell'immagine stessa e deve contenere un ALT TAG di descrizione (quello che appare come descrittivo dell'immagine). Altre informazioni possono essere introdotte nel TITLE.


L'ottimizzazione dei documenti in formato PDF prevede alcuni interventi al momento della creazione del file. Gli elementi più importanti da compilare correttamente ai fini del posizionamento sulle SERP (pagina dei risultati del motore di ricerca) di un documento PDF sono:

1.il nome del file, se è composto da più chiavi utilizzare il trattino per separarle; se il file PDF parla di animali domestici utilizzeremo il nome file: animali-domestici.pdf

2.proprietà interne al documento (passando da File/Proprietà) compilandone il Titolo, l’Oggetto (che sarebbe la description), l’Autore" (potete mettere il nome del sito) e le Parole chiave

3.Il titolo all’interno del documento: se il documento non dovesse avere un titolo, sarà Google ad attribuirne uno. Meglio, quindi, indicare il titolo che si vuole dare al documento utilizzando per il font: Verdana, Italico e Centrato

4.Per quanto riguarda l'inserimento di un link cliccabile all'interno delle pagine, si noti che un file pdf viene letto da Google come una sorta di pagina web a sé stante e risulta, pertanto, un backlink al proprio sito.

L'importante è tematizzare il link, cioè inserire l’esatta pagina di riferimento. Per esempio, se abbiamo un PDF che parla di animali domestici su un portale di animali, sarà meglio inserire il link alla pagina che parla esattamente di quelli domestici.


Come sempre resto a vostra disposizione per qualunque tipo di domanda , consiglio e scambio di opinioni.

Buon Digital Marketing 

Maikol Soares 


venerdì 2 ottobre 2015

MAIKOL SOARES - DIGITAL MARKETING STRATEGIST



Eccola qui, la domanda che mi sento rivolgere più spesso: “Maikol, ma in sostanza, che fai sempre davanti ad un computer ?!”

Sembra assurdo che nel 2017 ancora non si conosca bene il mondo del web, e le relative professioni, in modo particolare in Svizzera.
Siamo ancora legati a vecchie mansioni "occupazioni professionali" che tra qualche anno non esisteranno più, e la cosa più grave è che anche i miei "giovani" coetanei non riescono a capire che il mondo del lavoro oggi è cambiato, e tra 5 anni molto probabilmente sarà totalmente diverso ancora.
Non possiamo pensare di fare i "mulettisti" a vita, ma dobbiamo continuamente aggiornarci e formarci per poter rimanere in corsa.
Ma evitiamo le polemiche 🙂, vorrei spiegare in poche righe cosa significa fare il Consulente Web Marketing e quali caratteristiche racchiude questa figura professionale.
Un tempo c’era il Marketing, chi svolgeva questa funzione aziendale doveva interfacciarsi con i clienti ma anche con gli stessi colleghi delle vendite, della pubblicità, del controllo di gestione, etc.
Insomma, il Responsabile Marketing doveva – e deve – avere delle competenze di varia natura per poter confrontarsi con tutte queste diverse figure e poter prendere delle decisioni corrette e ponderate.
Oggi c’è il Web Marketing: il marketing traslato nel mondo del web, cioè quel luogo virtuale dove oramai tutte le persone passano diverse ore al giorno.
Un Consulente Web Marketing, allo stesso modo, deve possedere un mix di conoscenze e competenze trasversali, come:
  • Conoscenze tecniche di Google AdWordsGoogle Analytics ed altri programmi di Web Analytics
  • SEO (Search Engine Optimization), cioè le tecniche per il posizionamento organico di un sito web nei motori di ricerca
  • CRO (Conversion Rate Optimization), ovvero l’arte di studiare il comportamento degli utenti ed applicare correttivi al sito web, o ad una landing page, al fine di aumentare le conversioni;
  • Basi di programmazione, per poter tracciare delle metriche e studiare quindi il comportamento degli utenti nel sito web, o per poter ottimizzare una landing page (pagina di atterraggio) in modo autonomo
  • Marketing, ovviamente;
  • Psicologia, per entrare nella testa dei potenziali clienti e creare quindi il giusto messaggio;
  • Social Media Marketing;
  • Web Copywriting, cioè scrivere per il web;
  • Grafica;
  • Competenze di keyword reasearch, per individuare le giuste parole chiave su cui investire;
  • Etc.
Certo, per poter creare una campagna di Web Marketing di successo, un Web Marketing Specialist si dovrà rivolgere a vari professionisti specializzati in ognuno di questi ambiti, ma dovrà comunque conoscerne i principi base per poter comunicare con loro nel modo corretto ed esprimere le proprie esigenze.
Se dovessi illustrare un Consulente di Web Marketing con un disegno, lo raffigurerei così: quasi come rappresentassimo "un polipo" con diversi tentacoli.
Risultati immagini per multitask digital marketing
Il mio motto ? La vita è questa, Niente è facile, e nulla è impossibile ( Cit. G.Donadei)

PERCHÉ QUESTO BLOG ?


L'intenzione di questo blog è di rendere disponibili (gratuitamente) a tutti i lettori diverse informazioni e novità di attualità inerenti al settore del marketing digitale.

In Svizzera, soprattutto in Ticino, siamo a mio parere parecchio "in ritardo" rispetto ai grossi mercati mondiali (USA, Emirati Arabi, China;Russia) ma anche rispettivamente alla "piccola" Europa che ci circonda.

La mia domanda è, perché non iniziamo a specializzarci e a fare sul serio anche noi ?

Ora molti di voi mi porranno molte domande , una delle principali sarà :


Perché devo investire il mio tempo e i miei soldi nel marketing digitale ? 


Vi rispondo con un piccolo  video  e qualche dato in merito 








COSA AGGIUNGERE ...



È IL TUO MOMENTO, I TUOI CLIENTI SONO GIÀ ON-LINE !




Se sei incuriosito, hai domande, opinioni da condividere, o semplicemente vuoi approfondire alcune tematiche non esitare a contattarmi.



Tel. 0041 765356786





5 strumenti per la gestione dei profili sui social media! Come risparmiare tempo ed ottimizzate la vostra rete social !

5 strumenti per la gestione dei profili sui social media


I nuovi strumenti di comunicazione online sono efficaci se utilizzati con costanza e frequenza. Il rapporto umano, nella maggior parte dei casi, migliora attraverso i social network con il passare del tempo attraverso l’interazione e la collaborazione.
Le tecniche di social media marketing consentono alle piccole imprese di incrementare il numero dei propri clienti grazie all'uso di strumenti di massa che sfruttano canali alternativi a quelli tradizionali.
Attraverso i social network le persone sono interconnesse tra loro, mediante una rete di interessi comuni, e inoltre possono interagire con il brand. Diventa quindi fondamentale riuscire ad avere una forte presenza sul web: se attuato nel modo corretto, il social media marketing può generare un business di successo.
Il social media management richiede ottime capacità interpersonali, attitudini organizzative e strategie strutturate per obiettivi. Una volta stabiliti obiettivi, risorse e pianificazione delle attività è necessario passare all’azione!
Seguire le conversazioni, scrivere nuovi post, controllare le notifiche, monitorare cosa sta accadendo sui propri profili e analizzare i dati di engagement.
Ma come? Se sei alla ricerca di strumenti per la gestione dei social media, questo post potrà esserti utile.

Buffer

Buffer
Viene definito come piattaforma centralizzata per la gestione dei social, Buffer consente di risparmiare tempo per l’organizzazione dei contenuti sui vari profili in quanto centralizzati in un unico strumento.
Con Buffer è possibile eseguire più azioni (come condivisione, programmazione, analisi) all’interno di un’unica interfaccia su Facebook, Twitter, LinkedIn e Google+.

SocialHunt

SocialHunt
Quando si vuole ottimizzare la gestione di un profilo social si incorre spesso nella necessità di dover ridurre il numero di accessi al network per controllare le notifiche e gli aggiornamenti. Un modo utile per risparmiare tempo è quello di avere un software che faccia per noi il monitoraggio dei profili più importanti per noi e che invii per email le novità e gli aggiornamenti dei contenuti pubblicati.
SocialHunt fornisce questa funzionalità, andando ad analizzare i profili di un gruppo di utenti Twitter precedentemente selezionati e restituendo un report con frequenza customizzabile: invio immediato, ogni tre ore o giornalmente.

SumAll

SumAll
Una volta effettuato l’accesso con i diversi profili social, SumAll inizierà ad analizzarli in modo da elaborare una serie di insights e statistiche e di presentarle all’interno di un cruscotto riepilogativo. Queste informazioni analitiche possono essere richieste in una email riassuntiva giornaliera o periodica.
Grazie a questo strumento è possibile mantenere sotto controllo le metriche più importanti per la propria strategia di social media marketing.
Media supportati: Facebook, Twitter, LinkedIn, Google+, Instagram, Pinterest, Tumblr

BuzzSumo Alerts

BuzzSumo Alerts
Quando si ha la necessità di scrivere un post per il blog e le idee scarseggiano,BuzzSumo Alerts consente di aiutare i web writer grazie alle funzionalità di ricerca per parole chiave.
Gli strumenti di alert consentiranno di gestire grandi quantità di post provenienti dai social media per fornire suggerimenti e aggiornamenti per la produzione di contenuti di qualità.

SocialCount

SocialCount
Spesso il monitoraggio delle azioni di social media è importante quanto la pianificazione di una strategia e la produzione dei contenuti di qualità.
Grazie a SocialCount si ha uno strumento utile a mostrare la diffusione dei nostri contenuti attraverso la rete. Inserendo semplicemente l’indirizzo URL all’interno del sistema, si potrà controllare velocemente il conteggio delle condivisioni attraverso la rete, aggregando i dati proveniente da Facebook, Twitter e LinkedIn.

Conclusione

Questi presentati non sono gli unici strumenti per la gestione e l’analisi dei profili social, ma tutti consentono di organizzare il proprio lavoro in modo da risparmiare il tempo e ottimizzare le tante attività che i social network richiedono costantemente e quotidianamente.

Hai trovato l'articolo utile ? Commenta e condividi !

Seguimi anche su :